NUOVA ACQUA - NUOVA VITA

A Pasqua 2022 abbiamo trascorso tre giorni tranquilli e soleggiati sull'alpe: purtroppo non c'era una goccia d'acqua, né neve né pioggia erano cadute per 150 giorni, il clima invernale era sempre soleggiato e spesso a nord-foehn. Il 25 aprile avevamo in programma di far volare 800 m di tubo flessibile, attrezzi e materiale da costruzione oltre alle provviste per l'estate fino all'alpe. Le previsioni meteo erano piuttosto pessime, anzi: per la prima volta da novembre sono caduti circa 40 cm di neve fresca. Era quindi troppo pericoloso far volare gli avvolgitubo a conoscenza di Halme, tutto era depositato presso la capanna.

Jürg Schmid era di nuovo lì, portando con sé tutti i suoi strumenti (confezionati in quattro forzieri) e le botti preparate per la spillatura primaverile e i tre pozzi per la riduzione della pressione. Per prima cosa abbiamo riparato la precedente spillatura primaverile, che ha fornito immediatamente di nuovo abbondante acqua. Una ricca fonduta ha completato la prima giornata.

La mattina successiva non vediamo l'ora di una giornata luminosa. La neve è già scomparsa, ma c'è ancora troppa sopra l'alpe per iniziare a posare la nuova conduttura dell'acqua. Decidiamo quindi di iniziare prima con l'interior design. Le vecchie scale traballanti andrebbero sostituite, e nel sottotetto vogliamo coprire un buco con un pavimento a doghe: l'aria calda del camino dovrebbe ancora poter salire, con la nuova copertura guadagniamo qualche metro quadrato al piano superiore . 

La neve finalmente si sta ritirando abbastanza per preparare la spillatura della sorgente e posare i primi metri di tubo. Poiché il terreno è molto roccioso, posiamo il tubo solo in superficie, come per la linea precedente, che di conseguenza non ha sofferto.

Jürg può lavorare qualsiasi materiale, compreso il legno. In soli due giorni realizziamo due nuove scale in legno di larice e realizziamo il rivestimento del pavimento del piano superiore.

Il tempo vola veloce: venerdì sera abbiamo quasi terminato il gasdotto, tutti i pozzi sono installati. Tuttavia, il terreno ci ha giocato un brutto scherzo. Invece di 800 m come abbiamo stimato dalla mappa, abbiamo bisogno di 930 m di tubo flessibile dalla palma della conoscenza all'alpe. I contatori mancanti verranno posati nel fine settimana in modo da poter finalmente gridare "acqua su" e mettere in funzione la nuova linea. Caro Jürg, grazie mille per una settimana fantastica in cui abbiamo portato avanti con decisione il nostro progetto in grande cameratismo! Ora il problema dell'acqua sull'Alpe Vegliana dovrebbe essere risolto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *